come trattare un tatuaggio appena fatto

Come curare un tatuaggio in modo efficace

Specie nei primi giorni, la zona della pelle su cui hai fatto un tatuaggio è particolarmente delicata. Ecco come prendertene cura.

PERCHÉ È IMPORTANTE

PERCHÉ LA CURA DI UN TATUAGGIO È IMPORTANTE

Che il tuo tatuaggio sia piccolo o grande, merita in ogni caso il massimo dell'attenzione perché si tratta a tutti gli effetti di una ferita.

 

Dopo aver effettuato il lavoro con l'ago sterilizzato, il tatuatore curerà l'area per evitare infezioni. Stenderà quindi sulla zona un velo di vaselina che servirà ad ammorbidire l'area (la vaselina sarà già stata usata anche durante l'esecuzione del tatuaggio, allo scopo di diminuire il sanguinamento) e la coprirà con una pellicola trasparente.  


COME CURARE APPENA FATTO

COME CURARE UN TATUAGGIO APPENA FATTO

La pellicola dovrà essere rimossa, al massimo, dopo 6-8 ore, questo per permettere alla pelle di respirare. Se il tatuaggio viene effettuato nel corso dei mesi estivi, è consigliabile tenere la protezione per un tempo minore, allo scopo di evitare che l'area sudi e favorisca la proliferazione batterica.

  • Per evitare che sporco e impurità attecchiscano nell’area del tattoo, prima di rimuovere la pellicola bisogna lavarsi bene le mani.
  • Bisogna poi pulire il tatuaggio utilizzando acqua tiepida e un sapone a pH neutro. La zona, infatti, è irritata e delicata, e utilizzando acqua calda e prodotti troppo aggressivi si andrebbe a peggiorare la situazione.
  • Occorre asciugare la zona utilizzando un panno morbido, che non sia ruvido e non abbia lanugine. Si possono usare anche fazzoletti di carta. L'importante è compiere l'operazione non strofinando la pelle, ma tamponandola.
  • Adesso è venuto il momento di stendere una crema per tatuaggi. Quale? Un prodotto che sia lenitivo e che lasci la pelle idratata, elastica e morbida, arricchito con la minor quantità possibile di additivi e che può essere facilmente applicata sulla pelle.
  • L'operazione è da ripetere per due o tre volte al giorno, fin quando l'area non sia completamente sanata, così da ridurre il pericolo di formazione di croste e cicatrici.

curare un tatuaggio a colori appena fatto

Generalmente l'area della pelle interessata dal tatuaggio impiega almeno un mese per guarire del tutto. 
Alcune zone più delicate di altre (ad esempio mani piedi, piegature), possono aver bisogno di tempistiche più lunghe, anche sei settimane. Bisogna dunque aver pazienza e costanza nell'applicazione dei prodotti giusti.


Ti consigliamo, inoltre di non grattare la zona (che tende a prudere) e di non rimuovere eventuali croste, ma aspettare invece che cadano da sole.


QUALE CREMA SCEGLIERE

AVERE CURA DEL TATUAGGIO: QUALE CREMA SCEGLIERE

Nel breve periodo ti consigliamo di curare le ferite con un unguento disponibile in farmacia e la pelle con un prodotto a base di pantenolo o dexpantenolo. Sconsigliamo l'applicazione della vasellina, ottima solo come prima soluzione, perché non lascia respirare la pelle.

 

Puoi proteggere la tua cute fresca di tattoo utilizzando il grande classico dei prodotti Nivea, la Nivea Creme. Non ha conservanti e contiene Eucerit, un ingrediente fisiologico dalle potenti capacità idratanti. Il prodotto è adatto a tutti i tipi di pelle.

 

Ideale per la cute stressata è anche NIVEA Crema Corpo Ripara e Protegge, una crema che favorisce la naturale capacità della pelle di idratarsi. L'area della zona sottoposta al tatuaggio godrà di morbidezza ed elasticità. Il prodotto ha una compatibilità cutanea dermatologicamente testata.

 

Subito dopo aver fatto il tatuaggio è sconsigliabile recarsi al mare o in piscina per evitare che le ferite entrino in contatto con sabbia, salsedine, batteri e l'azione dei raggi UV. Nel caso tu non riesca ad evitare una prolungata esposizione al sole, ti consigliamo di applicare una protezione solare con FP 50+.

AVERE CURA DEL TATUAGGIO: QUALE CREMA SCEGLIERE