I miti sulla bellezza: veri o falsi?

I consigli della nonna o della mamma sono spesso buoni e veri. Alcuni, però, sono solo favole. Analizziamo venti miti sulla bellezza e confrontiamoli con le attuali conoscenze scientifiche.

Errori e false credenze

Miti che riguardano il viso

A chi è venuto in mente che il dentifricio può aiutare contro i brufoli? Alcuni miti sono creati involontariamente e durano per intere generazioni. Abbiamo raccolto alcuni miti che riguardano la cura del viso e sveliamo la verità che si cela dietro certe convinzioni errate.

Cura del viso: potrebbero mentire questi miti?

Mito: la pelle diventa dipendente dalla crema idratante

Certo che no. La pelle non si adatta al trattamento che riceve riducendo la propria idratazione e produzione di lipidi. Le creme si limitano a equilibrare la mancanza di questi elementi e rafforzano gli strati protettivi naturali della pelle.

Cura del viso: potrebbero mentire questi miti?

Mito: si può usare un asciugamano per un massaggio del viso

Assolutamente falso. Bisogna fare attenzione quando ci si asciuga il viso. Tampona delicatamente il viso con un asciugamano dopo la pulizia. Potresti impiegarci più tempo, ma la pelle viene sollecitata di meno.

Cura del viso: potrebbero mentire questi miti?

Mito: l'esfoliazione secca la pelle

Per niente. L'esfoliazione rimuove gentilmente le impurità e le cellule morte della pelle, stimola la rigenerazione delle cellule e aumenta la circolazione del sangue degli strati cutanei superiori. Riduce inoltre l'olio in eccesso senza rovinare l'equilibrio della pelle o seccarla.

Cura del viso: potrebbero mentire questi miti?

Mito: il dentifricio aiuta a eliminare i brufoli

Non è una buona idea! Alcuni dentifrici contengono zinco ed esercitano quindi veramente un effetto seccante e antinfiammatorio. Molti altri però hanno fluoro e mentolo. Questi ingredienti irritano la pelle e potrebbero persino peggiorare i brufoli.

Miti che riguardano i capelli

Abbiamo sei milioni di capelli in testa. Esiste una moltitudine di miti che riguardano la cura e la crescita dei capelli. Che cosa hanno in comune i miti sui capelli e lo shampoo? Prima o poi, devono essere eliminati. Iniziamo!

Cura dei capelli: basta con le tradizioni di vecchia data!

Mito: tagliare le punte dei capelli ne incoraggia la crescita

Purtroppo no. I capelli non crescono più folti o più rapidamente, neanche se vai dal parrucchiere ogni mese. La radice dei capelli è responsabile della crescita e non viene stimolata dal taglio. Ciononostante, prendersi cura delle punte si traduce in un aspetto dei capelli più sano.

Cura dei capelli: basta con le tradizioni di vecchia data!

Mito: con 100 colpi di spazzola al giorno si ottengono capelli lucenti

Assolutamente no. Pettinare i capelli di frequente stimola la circolazione nel cuoio capelluto e, di conseguenza, la produzione di sebo. Questo significa che l'olio naturale presente viene distribuito su tutti i capelli. È lo strato di olio, quindi, che rende i capelli lucenti.

Cura dei capelli: basta con le tradizioni di vecchia data!

Mito: è meglio tagliare i capelli con la luna piena

Forse. Le maree dimostrano quanto forte sia l'influenza della luna sull'acqua di mare. Chi crede nei poteri della luna, crede che possa anche influire sulla proporzione di acqua all'interno del nostro corpo e dei nostri capelli.

Cura dei capelli: basta con le tradizioni di vecchia data!

Mito: birra e uova sono ottime per capelli forti

Assolutamente sì. Mescola il tuorlo di un uovo con dell'olio d'oliva, lascia che faccia effetto per un po' di tempo e risciacqua con cura: questo balsamo casalingo darà ai capelli un aspetto lucente. La birra contribuisce a una presa più resistente, ma purtroppo non ha un buon odore.


Miti che riguardano il corpo

Diamo un'occhiata ad alcuni miti sulla bellezza, da capo a piedi. È vero che sudare fa dimagrire? No, è solo una credenza. Bisogna aspettare a bere quando si ha sete? Qualsiasi sia la verità – accettala.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: si dorme meglio prima di mezzanotte

Sbagliato: quello che conta è che le fasi di sonno profondo, ovvero il periodo durante il quale il corpo e la mente si riposano, hanno luogo principalmente nelle prime cinque ore di sonno. Non fa alcuna differenza se questo accade prima o dopo la mezzanotte.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: non si beve mai abbastanza

Non è vero. Troppa acqua può addirittura fare male al corpo. Quando si suda tanto, in particolare, il corpo viene privato di sale. Un consiglio di massima consiste nel bere circa 2-3 litri al giorno. Questo può variare in base al proprio peso e al livello di attività.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: sudando si ottiene un'ottima forma!

Non esattamente. Sudare aumenta il nostro benessere, ma non ci fa dimagrire. Che accada durante un'attività sportiva o in sauna: l'acqua che perdiamo attraverso il sudore viene ripristinata immediatamente quando beviamo subito dopo.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: il sudore sotto le ascelle ha sempre un cattivo odore

Per niente! L'umidità sotto le ascelle è inodore. Il cattivo odore si sviluppa soltanto quando i batteri del corpo iniziano a decomporre il sudore.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: le vene varicose sono causate dal tenere le gambe accavallate

Macché. Nonostante le vene varicose abbiano solitamente inizio sul retro delle ginocchia, tenere le gambe accavallate non ha niente a che fare con questo. I disturbi delle vene si presentano principalmente a causa di debolezze genetiche del tessuto connettivo.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: la rasatura provoca l'ispessimento dei peli

Non è vero. Quando i peli ricrescono, sembrano più spessi semplicemente perché sono tutti della stessa lunghezza.

Cura del corpo: la nuda verità

Mito: soffermarsi troppo a lungo in acqua fa seccare la pelle

In teoria, questo è vero, ma se rispetti un paio di semplici regole, puoi goderti un bagno senza preoccupazioni. Temperatura: 38 gradi. Durata: non più di 30 minuti. Usando degli additivi idratanti e reidratanti per il bagno, puoi inoltre donare alla tua pelle una protezione aggiuntiva.


Miti quotidiani

Che cosa si nasconde dietro il detto che in auto non ci si abbronza? Ti facciamo capire alcuni miti duri a morire e mettiamo a nudo certe curiose credenze sulla bellezza.

Miti: dentro e fuori

Mito: il cioccolato fa venire i brufoli

Sbagliato. Una dieta non salutare può esercitare un effetto negativo sull'aspetto della pelle. Tuttavia, sono i pori bloccati a essere la causa primaria dei brufoli, che vengono provocati dalla maggiore produzione di sebo e cellule cornee. Questo è dovuto al proprio stato ormonale

Miti: dentro e fuori

Mito: le macchie sulle unghie sono causate da una carenza di calcio

Non è vero. Le cause di queste macchie risalgono probabilmente a piccole lacerazioni nelle aree di crescita delle unghie.

Miti: dentro e fuori

Mito: leggere con poca luce fa male

Non è vero. Leggere usando una torcia sotto le coperte non rovina la vista. Nonostante i muscoli degli occhi debbano sforzarsi di più a causa della luce scarsa, la vista non viene danneggiata.

Miti: dentro e fuori

Mito: l'abbronzatura protegge dalle scottature

Parzialmente vero. Se vai in vacanza con una leggera tintarella, ti basterà un fattore di protezione UV inferiore. Ma non credere di poter usare un prodotto autoabbronzante, perché questi non ti proteggono dalle scottature.

Miti: dentro e fuori

Mito: in auto non ti abbronzi

Solo parzialmente vero. Il 35% dei raggi UVB e la maggior parte dei raggi UVA viene trasmesso attraverso il vetro. Questo significa che la pelle si può abbronzare e danneggiare, a meno che non usi una crema con un adeguato fattore di protezione solare.