Il contatto umano in un mondo afflitto dalla pandemia. Impatto e interventi.

Il contatto umano in un mondo afflitto dalla pandemia. Impatto e interventi.

La pandemia di COVID-19 ha cambiato radicalmente le nostre vite influenzando piccole e grandi cose, dal modo di lavorare, di frequentare la scuola, di socializzare e persino di fare acquisti per i beni di prima necessità. Di tutti questi cambiamenti, forse nessun aspetto della nostra vita è stato influenzato più del modo in cui ci relazioniamo con gli altri.

"Tre intervistati su quattro hanno affermato che l'isolamento ha fatto capire loro quanto sia importante il contatto fisico per la salute."

Il contatto durante la pandemia: limitato, ma più importante che mai

Il nuovo studio dimostra che il contatto rimane molto importante per le persone in tutto il mondo - nonostante o forse anche a causa del virus. Lo studio dell'anno scorso ha rivelato che l'87% delle persone crede che il contatto umano sia la chiave per una vita felice e appagante. Lo studio di quest'anno dimostra che il numero è leggermente aumentato, raggiungendo l'88%. Inoltre, tre intervistati su quattro hanno affermato che l'isolamento ha fatto capire loro quanto sia importante il contatto fisico per la salute. Come dimostrano i dati, siamo sempre più consapevoli dell'importanza del contatto nella nostra vita, ora che non possiamo più agire liberamente come facevamo prima, quando ogni interazione non richiedeva complessi calcoli mentali per valutare il livello di rischio. In breve, il nostro isolamento forzato ha sottolineato l'importanza del contatto umano per la nostra salute e il nostro benessere.

"Più di due terzi degli intervistati hanno affermato che oggi ci sono più barriere al contatto rispetto a un anno fa."

Nuove barriere al contatto umano

Prima della pandemia, le barriere comuni al contatto umano comprendevano elementi come la mancanza di tempo, l'insicurezza sulle norme sociali o che tipo di contatto fosse appropriato e quando. I nuovi risultati mostrano che queste barriere tradizionali sono meno rilevanti al giorno d'oggi. In generale, un numero maggiore di persone passa più tempo a casa e le loro vite sono meno occupate. C'è anche meno confusione rispetto alle norme sociali, dato che la maggior parte delle persone comprende che il contatto fisico corrisponde al rischio di contagio. Tuttavia, nel complesso, ci sono più barriere al contatto che mai. Più di due terzi degli intervistati hanno affermato che oggi ci sono più barriere al contatto rispetto a un anno fa.

Come società, i dati mostrano che per ora abbiamo accettato queste barriere e non cerchiamo più forme di contatto. Quattro intervistati su cinque hanno indicato a livello globale che evitano i rituali di saluto che prevedono il contatto come strette di mano, baci o brevi abbracci. Questo è particolarmente vero nei paesi duramente colpiti dalla pandemia come il Brasile, il Sudafrica, l'Italia e la Francia, suggerendo che le persone che vivono in paesi pesantemente colpiti dalla pandemia sono particolarmente caute nel loro approccio al contatto umano.

Tassi di risposta in base alla quantità di persone con cui siamo entrati in contatto nell'ultimo anno., Fonte: Mindline Research 2020

Il livello mondiale di contatto umano durante la pandemia

Molte persone intervistate hanno affermato che il loro livello di contatto umano durante la pandemia è diminuito sia per la loro cerchia interna (famiglia, partner o amici intimi) che per quella esterna (colleghi, conoscenti, vicini). Più di un terzo degli intervistati ha affermato che il contatto con la cerchia interna è diminuito, mentre il 40% ha detto che il contatto con la cerchia esterna è diminuito. C'è da aspettarsi una diminuzione nel livello di contatto con la cerchia esterna, poiché un numero maggiore di persone si isola e limita il contatto fisico ai membri della propria famiglia. La diminuzione del contatto con la cerchia interna può sembrare in un primo momento controintuitiva, ma non se si considera il numero di persone che vivono con anziani, immuno-compromessi o altre persone che sarebbero ad alto rischio se si ammalassero, e il fatto che la maggior parte delle persone non vive nella stessa casa con i loro amici intimi. Inoltre, paesi come l'Italia, il Sudafrica e la Corea del Sud, dove le misure di distanziamento sono state applicate in modo rigoroso, le persone hanno visto una significativa diminuzione della quantità di contatti all'interno della cerchia interna ma soprattutto della cerchia esterna. In Italia, più della metà degli intervistati ha dichiarato che il loro livello di contatto fisico con la cerchia esterna è diminuito rispetto all'anno scorso. In Corea del Sud, il 49% degli intervistati ha indicato una diminuzione; in Sudafrica, il 46%. La Corea del Sud è particolarmente degna di nota perché si è impegnata a ridurre i contatti in misura maggiore rispetto ad altri paesi, rendendo ancora più evidente la diminuzione dei contatti.

Sorprende, tuttavia, che circa la metà delle persone intervistate ha dichiarato che il loro livello di contatto umano durante la pandemia non è cambiato in modo significativo. Il 46% degli intervistati a livello globale ha affermato che la quantità di contatto con la cerchia interna non è cambiata nell'ultimo anno, mentre il 51% ha affermato che il contatto con la cerchia esterna non è variato. Per capirne il motivo, dobbiamo guardare più da vicino i dati, che rivelano notevoli differenze geografiche nel comportamento tattile. In Germania, Australia, Regno Unito e Stati Uniti, il comportamento tattile è variato di meno che in altri paesi. Nonostante la gravità dell’epidemia, rispetto ad altri paesi, meno persone hanno segnalato cambiamenti nella quantità di contatti che hanno condiviso con la loro cerchia esterna. In Germania, quasi due terzi delle persone hanno dichiarato che il loro livello di contatto con la cerchia esterna non è cambiato nell'ultimo anno. In Australia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, più della metà degli intervistati afferma lo stesso. Tanto per cominciare, una possibile spiegazione è che questi paesi non hanno culture "propense al contatto". Sappiamo dal nostro precedente sondaggio globale che la Germania, il Regno Unito, l'Australia e gli Stati Uniti sono i paesi meno propensi al contatto, quindi sarebbero giustificati meno cambiamenti nel comportamento. È anche possibile che, in questi paesi, lo scetticismo sulla gravità della pandemia e la necessità di lockdown si sia tradotto in meno cambiamenti osservabili nei comportamenti di contatto.

Infine, per alcuni gruppi, il livello di contatto umano è effettivamente aumentato durante la pandemia. Le persone che vivono in famiglie con almeno un figlio e i giovani di età compresa tra i 16 e i 19 anni hanno avuto quasi il doppio delle probabilità di segnalare un aumento dei contatti con la cerchia interna rispetto ad altri gruppi - non sorprende, dato che molte famiglie trascorrono più tempo insieme a casa. Tuttavia, anche i giovani e i genitori single avevano quasi il doppio delle probabilità di affermare che il loro contatto con la cerchia esterna è aumentato. Sembra che con questi gruppi, il bisogno di connessione e di contatto umano sia considerevolmente maggiore della paura di prendere il virus o di trasmetterlo ad altri che potrebbero essere più esposti al rischio.

“L’isolamento mi ha fatto capire l’importanza del contatto fisico per la salute.”

"L'isolamento mi ha fatto desiderare il contatto fisico più di prima.”

“L'isolamento mi ha fatto sentire più solo di quanto mi sia mai sentito in tutta la mia vita.”

“Sento la mancanza di contatto e vorrei recuperarlo dopo l'emergenza.”

"L'isolamento mi fa pensare a quanto spesso entro in contatto fisico con gli altri.”

L'isolamento forzato ha fatto sentire sola una persona su due in tutto il mondo.

Le persone sole riportano una mancanza di abbracci

Tassi di approvazione per coloro che si sentono soli vs coloro che non si sentono soli
"Desidero spesso poter ricevere più abbracci dagli altri.”
 

Soli e senza contatti: single, genitori single e ultracinquantenni

Se da un lato possiamo osservare differenze di contatto tra i paesi in base al loro approccio alla pandemia, i dati NIVEA mostrano che anche le circostanze individuali giocano un ruolo significativo nel benessere delle persone durante la crisi, indipendentemente dal luogo in cui vivono. L'età di una persona, sia che viva da sola o con altre persone, sia che sia un genitore, sono tutti fattori della sua salute fisica e mentale e della sua capacità di connettersi con gli altri attraverso il contatto. Come dimostrano i dati, alcuni gruppi sono più colpiti di altri.

 

Persone sole

Il primo gruppo di persone che è stato colpito negativamente dalla pandemia e dal successivo isolamento è quello composto da persone che si definiscono “sole”. Secondo l'indagine, si tratta di una parte significativa della popolazione globale. L'isolamento forzato ha fatto sì che una persona su due in tutto il mondo si senta sola, a volte anche più sola che mai nella sua vita. I dati rivelano anche una forte connessione tra la solitudine e il contatto: l'81% degli intervistati che hanno indicato di sentirsi spesso soli vorrebbe ricevere più abbracci dagli altri, rispetto al 45% che ha dichiarato di non sentirsi solo. L'associazione tra contatto e solitudine sembra aumentare con l'età ed è anche più marcato per le famiglie composte da un solo membro. Chiaramente, la mancanza di contatto umano può essere vista come un fattore di solitudine, e cercare di avere più contatti può contribuire a ridurla.

Vivere in paesi con meno contatto fisico

Questo legame tra solitudine e contatto è particolarmente visibile nei paesi in cui il contatto fisico tende ad essere la norma sociale più diffusa. In Germania, quasi nove persone su dieci che si sentono spesso sole hanno detto che vorrebbero ricevere più abbracci dagli altri, rispetto al 43% che non si sente solo. Una differenza allarmante di 44 punti percentuali, a dimostrazione di quanto la solitudine ponga le persone in svantaggio. In Australia, Regno Unito, Stati Uniti e Corea del Sud, la differenza è stata leggermente inferiore, ma ancora notevolmente elevata (circa 40 punti percentuali). In contrasto, il collegamento è più debole nei paesi con un livello di contatto generalmente più elevato nella vita quotidiana, come il Brasile (differenza di 21 punti percentuali), l'Italia (differenza di 28 punti percentuali) e la Francia (differenza di 33 punti percentuali). Questi numeri ricordano a tutti noi di includere e restare in contatto le persone che potrebbero sentirsi sole, soprattutto nei paesi in cui il contatto non è una parte frequente della vita quotidiana. I gesti di contatto che ricevono le persone - anche se si tratta solo di una stretta di mano quotidiana con il postino - gioca un ruolo ancora più importante nella lotta alla solitudine.

Single e genitori single

Un altro gruppo che è stato colpito duramente dagli effetti del lockdown e dell'isolamento è quello che vive in famiglie più piccole, ovvero i single e i genitori single. Tre persone su quattro che vivono da sole hanno detto che il contatto fisico non fa parte della loro vita quotidiana, e più della metà ha detto che spesso si sentono sole. Per i genitori single, questo numero sale a quasi due terzi. I genitori single sono anche più propensi a dire che vorrebbero ricevere più abbracci dagli altri - 69%, rispetto alla media globale del 61%. Senza un altro adulto in famiglia con cui condividere le responsabilità della cura dei bambini e della didattica a distanza, o semplicemente qualcuno in cui cercare supporto durante questo periodo di stress, gli adulti che vivono in famiglie più piccole stanno attraversando un periodo difficile.

Persone di età compresa tra i 50 e i 69 anni

Anche le persone di età compresa tra i 50 e i 69 anni sono state particolarmente colpite, dato che al giorno d'oggi non provano quasi più alcun contatto con i loro ambienti esterni. Secondo i diari tattili del sondaggio, un terzo delle persone di età compresa tra i 50 e i 69 anni non ha avuto alcun contatto fisico durante l'intera settimana precedente l'intervista. Quasi tre persone su quattro hanno detto che oggi ci sono più barriere al contatto rispetto a un anno fa, un valore più alto della media globale. È interessante notare, tuttavia, che solo il 57% di questo gruppo ha detto che vorrebbe ricevere più abbracci, un valore più basso rispetto alla media globale del 61% - indicando che molti adulti di età più elevata hanno adeguato le loro aspettative di contatto per allinearsi con la loro esperienza.

Adolescenti

A differenza dei gruppi sopra citati, ce n’è uno che sembra essere relativamente resistente alla crisi: gli adolescenti. Per quasi un terzo degli intervistati di età compresa tra i 16 e i 19 anni, il livello di contatto con la cerchia interna è aumentato dall'inizio della pandemia, probabilmente come risultato del fatto di passare più tempo con la famiglia, di godersi il legame con i genitori e i fratelli e di superare la crisi e tutte le sue sfide insieme. Rispetto ad altri gruppi, è più probabile che le persone comprese in questa fascia d’età affermino che le loro relazioni con coloro con cui intrattengono contatti fisici si sono ampliate (72% contro una media globale del 62%). Sono anche molto più propensi, rispetto ad altri gruppi, ad affermare che ora trascorrono più tempo sui social media di prima (82%, rispetto alla media globale del 61%). Per questo gruppo, sembra che questi cambiamenti nelle abitudini - più tempo trascorso con la famiglia e la cerchia interna e un maggiore utilizzo dei social media - compensino in qualche modo l'interruzione della loro normale routine e la mancanza di contatto con la cerchia esterna.

"Una persona su tre ha detto che il livello attuale del contatto umano nella vita quotidiana è troppo basso.”

Recuperare il tempo perduto nel nostro futuro post-pandemia

Mentre attendiamo la fine della pandemia, in tutto il mondo le persone stanno aspettando con impazienza un futuro che permetta maggiori opportunità di contatto umano. Dopo molti mesi di lockdown e isolamento sociale forzato, i dati di NIVEA mostrano che la pandemia ha evidenziato l'importanza del contatto nella nostra vita e potrebbe essere un rimedio contro la solitudine - anche se il modo in cui entriamo in contatto con gli altri attraverso il contatto fisico cambierà probabilmente nel prossimo futuro.

Secondo i dati, il contatto umano nel mondo post-pandemia si concentrerà sulla qualità piuttosto che sulla quantità - in altre parole, sulla cerchia interna o ristretta. Più di un terzo degli intervistati a livello globale si aspetta che i contatti con la cerchia interna aumentino dopo la crisi, mentre i contatti con la cerchia esterna dovrebbero diminuire nel lungo periodo quando il nostro comportamento attuale cambierà e diventerà un'abitudine permanente. Quasi la metà delle persone in Brasile, Sud Africa, Regno Unito, Stati Uniti e Italia, in particolare, si aspetta che il contatto con la cerchia interna aumenti dopo la crisi, forse per recuperare il tempo perduto. Tuttavia, mentre si prevede che il contatto con la cerchia esterna diminuirà complessivamente rispetto al pre-pandemia, un quarto dei giovani tra i 16 e i 19 anni a livello globale si aspetta addirittura un numero di contatti maggiore con la cerchia esterna nel lungo periodo. Senza dubbio, sentono di avere molto da recuperare e sono chiaramente desiderosi di restare coinvolti in un numero maggiore di contatti, una volta che riusciremo a sconfiggere le divisioni della pandemia.

In tutti i gruppi, la pandemia ha fatto sentire le persone affamate di contatto fisico proprio come di cibo. In tutti i paesi intervistati, una persona su tre ha affermato che l'attuale livello di contatto umano nella vita quotidiana è troppo basso, e tre persone su cinque intervistate vogliono compensare l'attuale mancanza di contatto umano dopo la crisi. Inoltre, i dati rivelano un forte desiderio di un maggiore livello di contatto umano dopo la crisi nei paesi altamente sociali che sono stati duramente colpiti dalla pandemia, ovvero il Brasile e l'Italia. Più di tre brasiliani su quattro e quasi tre italiani su quattro hanno affermato che l'isolamento li ha resi più che mai desiderosi di contatto fisico. E come possiamo biasimarli? Nessuno di noi dimenticherà le immagini di strade vuote e locali deserti durante il primo lockdown in Italia.

"In futuro non daremo per scontati quei momenti di connessione.”

Una nuova rivalutazione del potere del contatto

Una cosa è chiara: potrebbe volerci del tempo per tornare ai nostri livelli di contatto precedenti alla pandemia, eppure questa ha già lasciato un segno indelebile nei nostri cuori e nelle nostre menti - e anche nella nostra pelle. Ora sappiamo come ci si sente a non poter toccare coloro che amiamo, e tutto l'isolamento e la solitudine che derivano da questa mancanza. Se c'è un lato positivo in questa crisi, è che la pandemia ci ha fatto rivalutare il potere del contatto per la nostra salute emotiva, fisica e mentale. In futuro, quando potremo condividere un abbraccio, una stretta di mano o un abbraccio senza paura, non daremo per scontati questi momenti di connessione. Trascorreremo più tempo con i nostri cari, rafforzeremo i nostri legami e ci connetteremo di nuovo attraverso il contatto.

Informazioni sulla ricerca

La ricerca NIVEA è stata condotta da Mindline, un istituto di ricerca indipendente, tramite un sondaggio online che ha visto la partecipazione di 11.706 persone nei seguenti 9 paesi (circa 1.000 intervistati per paese): Australia, Brasile, Francia, Germania, Italia, Sudafrica, Corea del Sud, Regno Unito e Stati Uniti. Gli intervistati avevano un'età compresa tra i 16 e i 69 anni e rappresentavano un campione rappresentativo in base al sesso, all'età, alla regione e allo stato occupazionale. Il database temporale per questo studio va da aprile (settimana 17) ad agosto (settimana 32) 2020, mentre la ricerca in territorio europeo continuerà fino a ottobre.

Ottieni una panoramica completa

Scarica il nostro Barometro del Contatto Umano Vol. 2
Scarica i dati principali