come attivare melanina prendendo il sole

Cos’è la melanina, a cosa serve e come assumerla per proteggere la pelle dai raggi solari

Vi presentiamo l’alleato dell’abbronzatura.

COS’È?

COS’È LA MELANINA

Con melanina s’intende l’insieme di tutti i pigmenti della pelle, che sono di colore diverso e che vengono prodotti dai melanociti. I diversi tipi di “melanine” sono neri, bruni e rossastri e tutto il nostro corpo dipende da loro, almeno per quanto riguarda il colore di epidermide, capelli e occhi. Il rapporto tra melanina e pelle è sicuramente quello più conosciuto e, infatti, ogni anno si torna a parlare di questo importante pigmento in estate, quando possiamo finalmente abbronzarci.

Da non confondere melanina e melatonina, poiché quest’ultima è un ormone che si occupa della regolazione del nostro normale ritmo biologico e di solito chi ne è carente soffre di disturbi del sonno.

Tipi di melanina

Tipi di melanina

Esistono due tipi di melanina:

  • L’eumelanina è quella più scura;
  • La feomelanina è invece di colore rossastro tendente al giallo per l’alta concentrazione di zolfo.
Come dicevamo prima, esistono poi tre tipi razziali che dipendono dalla tipologia di appartenenza e dalle dimensioni: negroide, caucasico e celtico. A seconda della concentrazione di questi tre tipi avremo quindi una pelle pigmentata in modo diverso, come accade per le diverse razze che vivono sul nostro Pianeta.

A cosa serve e tutti i benefici della melanina

Abbiamo chiaro cos’è, ma a cosa serve la melanina? Molto semplice, protegge il nostro DNA dai raggi UV del sole come un filtro naturale. Inoltre, aiuta a prevenire l’invecchiamento cutaneo, contrasta il processo degenerativo provocato dall’esposizione solare e neutralizza la produzione di radicali liberi. Essendo contenuta anche negli occhi, protegge il nostro sguardo, raccogliendo i raggi solari e aumentando l’assorbimento della luce, che viene diffusa all’interno dell’occhio stesso. Gli abitanti dei tropici sviluppano molta melanina per proteggersi dai possibili danni solari, mentre a Nord del mondo la pelle è più chiara perché le radiazioni sono ovviamente più deboli. A seconda della latitudine e dello stile di vita, la produzione di melanina è più o meno massiccia, al fine di aiutarci a vivere in quel determinato luogo. Le persone affette da “albinismo” soffrono, invece, di una patologia congenita per cui risultano essere completamente privi di melanina.
La melanina e l’abbronzatura sono praticamente sinonimi: tutti sappiamo che con la bella stagione dobbiamo cambiare leggermente la nostra alimentazione in favore di cibi ricchi di questo pigmento per prepararci al meglio all’esposizione solare. Vediamo come fare in caso di mancanza di melanina.

A cosa serve e tutti i benefici della melanina


COME STIMOLARE LA PRODUZIONE

MANCANZA DI MELANINA: COME STIMOLARE LA PRODUZIONE

In caso di carenza di melanina possiamo cercare di stimolarne la produzione, a partire da quello che scegliamo di portare in tavola e aiutandoci anche con integratori di qualità. Se la tua carnagione è molto chiara, è importante preparare in modo corretto la pelle all’arrivo del sole, per non stressarla troppo e rischiare scottature. D’estate scopriamo, infatti, parti del corpo che durante il resto dell’anno sono protette dai vestiti e chi ha un’epidermide molto sensibile dovrebbe cercare di procedere in modo graduale, grazie a semplici rimedi naturali.
Come aumentare la melanina: rimedi naturali e integratori

Come aumentare la melanina: rimedi naturali e integratori

Assumere betacarotene e Vitamina A è il modo migliore per aumentare la produzione di melanina in modo naturale perché tutto parte da quello che mangiamo, anche attraverso gli integratori. Non si deve, però, dimenticare che l’uso degli integratori non sostituisce mai la protezione solare, ma prepara semplicemente il corpo a ricevere la luce del sole in modo sano e intelligente. I principali integratori da prendere sono:

  • Il Betacarotene, che contrasta i danni provocati dai radicali liberi, ha proprietà antiossidanti ed è una fonte naturale di Vitamina A;
  • Gli Omega 3 possono essere assunti per evitare gli eritemi solari e sono utili anche per mantenere la pelle sempre tonica ed elastica;
  • La Vitamina C serve a riattivare il collagene e a curare la pelle dai danni provocati dal sole. Andrebbe consumata prima di esporsi e durante tutta l’estate, ma anche nei mesi invernali per stimolare il sistema immunitario.

I cibi amici della melanina e dell’abbronzatura

Per abbronzarsi e mantenere a lungo la tintarella, ti consigliamo di usare sempre il Latte Solare Protect & Bronze FP30 e portare in tavola cibi come la frutta, che contiene melanina in grandi quantità. Se vuoi sapere come aumentare la melanina per abbronzarti, ecco la lista della spesa da fare:

  • Per quanto riguarda la frutta, se vuoi aumentare il tuo livello di melanina non dimenticare mai di assumere melone, albicocche, mirtilli, uva nera, prugne, ciliegie e cocomero;
  • Le verdure migliori sono il radicchio, la cicoria, le carote, il sedano, i peperoni e i pomodori;
  • Amici della tintarella sono anche il pesce, i frutti di mare, il fegato, le carni bianche, le noci, i legumi e il latte.

I cibi amici della melanina e dell’abbronzatura


LEGATA AL COLORE DEGLI OCCHI

CURIOSITÀ SULLA MELANINA: PERCHÉ È LEGATA AL COLORE DEGLI OCCHI

La melanina negli occhi funziona come per la pelle e può essere presente in quantità variabili, decidendo così il loro colore. In base alla melanina, l’occhio può avere uno spettro di gradazioni molto ampio, che va dall’azzurro fino al nero più profondo. Chi ha meno melanina avrà gli occhi chiari, mentre chi ne è ricco, avrà una colorazione più o meno scura. I neonati non producono ancora la melanina e questo spiega il motivo per cui il colore dei loro occhi cambia intorno al sesto/settimo mese di vita, ossia quando il processo di pigmentazione sarà completamento attivato.